FORSIDE INDEX Skovs Antik - Silkeborg Vi køber kontant
Gratis vurdering
i Silkeborg
  info
TRANSLATION
 
BUY ONLINE
KØB + FORSENDELSE
Østergade 13, DK-Silkeborg  MAIL@SKOVSANTIK.DK Phone+45 86801606
Vi køber og sælger dagligt, det meste kommer ikke på siden. Hjemmesiden er ikke lagerliste, nogle ting kan være solgt.
E-MAIL ÅBNINGSTID FIGURER STEL SØLV  GLAS  KERAMIK SMYKKER ANTIK FORSIKRINGS VURDERING info

PORCELLANE DANESE DANESI COPENAGHEN DINAMARCA Kongeligt + B&G porcelæns VASER, SKÅLE, ASKEBÆGRE, VASES, VASI
We buy and sell vases several times every week, so some of the models are sold, but we also have many other vases (not on website)
Nogle af vaserne er udsolgt i perioder, men vi har også nogle modeller på lager som ikke er her på siden (vi skifter ikke foto så ofte)...
We have hundreds of factory first vases in stock * 50% discount on nearly all vases

Foto herunder viser vaser fra lageret i Silkeborg 9/4 2015 (udvalg varierer)

Vaser, 1. sortering 50% rabat på alle  50% discount on all vases factory first. this photo each 200 dkk. € 27

Vaser, 1. sortering 50% rabat på alle  50% discount on all vases factory first. this photo each 200 dkk. € 27


Vaser, 1. sortering 50% rabat på alle  50% discount on all vases factory first. this photo each 200 dkk. € 27


Vaser, 1. sortering 50% rabat på alle  50% discount on all vases factory first. this photo each 200 dkk. € 27


Vaser, 1. sortering 50% rabat på alle  50% discount on all vases factory first. this photo each 100 dkk. € 14

Vaser, 1. sortering 50% rabat på alle  50% discount on all vases factory first. this photo each 100 dkk. € 14


Vaser, 1. sortering 50% rabat på alle  50% discount on all vases factory first. this photo each 150 dkk. € 20


Vaser, 1. sortering 50% rabat på alle  50% discount on all vases factory first. this photo each 150 dkk. € 20

Vaser, 1. sortering 50% rabat på alle  50% discount on all vases factory first. this photo each 150 dkk. € 20


Vaser, 1. sortering 50% rabat på alle  50% discount on all vases factory first. this photo each 150 dkk. € 20


Vaser, 1. sortering 50% rabat på alle  50% discount on all vases factory first


Vaser, 1. sortering 50% rabat på alle  50% discount on all vases factory first


Vaser, 1. sortering 50% rabat på alle  50% discount on all vases factory first


Vaser, 1. sortering 50% rabat på alle  50% discount on all vases factory first


Vaser, 1. sortering 50% rabat på alle  50% discount on all vases factory first


Vaser, 1. sortering 50% rabat på alle  50% discount on all vases factory first


Vaser, 1. sortering 50% rabat på alle  50% discount on all vases factory first


Vaser, 1. sortering 50% rabat på alle  50% discount on all vases factory first


Vaser, 1. sortering 50% rabat på alle  50% discount on all vases factory first


Vaser, 1. sortering 50% rabat på alle  50% discount on all vases factory first

 

  Herunder ses ældre foto med vaser, det er ikke lagerliste. Udvalget varierer. Vi skifter sjældent foto.  
       

Royal Copenhagen plates made 1894-1934 each 400 dkr € 54

Royal Copenhagen plates made 1894-1934 each 400 dkr € 54

Royal Copenhagen plates made 1894-1934 each 400 dkr € 54

Royal Copenhagen plates made 1894-1934 each 200 dkr € 27

Royal Copenhagen plates old 1893-1935
300 kr. €41

Royal Copenhagen plates old 1893-1935
300 kr €41
 
ÆG B&G PORCELÆN
 

Each 150 dkr € 20
DISCOUNT - 50%
NOW ONLY 75 KR € 10

Each 150 dkr € 20
DISCOUNT - 50%
NOW ONLY 75 KR € 10

Each 150 dkr € 20
DISCOUNT - 50%
NOW ONLY 75 KR € 10

Each 150 dkr € 20
DISCOUNT - 50%
NOW ONLY 75 KR € 10

Each 150 dkr € 20
DISCOUNT - 50%
NOW ONLY 75 KR € 10
Kongelig + Bing og Grøndahl, askebægre, krebs, krabber, ashtrays.JPG (201894 byte) Royal Copenhagen Königlich Kopenhagen dishes
50% discount
Prices from top left:
€ 108-65-74
€ 42-34-34
Factory first
     

Porcellane Danesi Statuine, vasi, stoviglie, piatti naalizi e da collezione, dipinti, argenteria, bicchieri e molto altro ancora PORCELLANE CERAMICA ARGENTO ANTICO FIGURA FIGURINA ROYAL COPENHAGEN SERVIZIO GABBIANO VETRO PITTORE MAIOLICA DINAMARCA CERAMICA LAMPADA DANESE ORELOGIO GIOIELLO ORNAMENTO PIATTO DI NATALE COPENHAGHEN GIOCATTOLO RAME OTTONE STAGNO BRONZO. Visita il piu' grande negozio di antiquariato della Danimarca! Più grande selezione di Denmarks in porcellana reale di B&G e de Copenhaghen, argento, vetro, oggetti d'antiquariato, più. FIGURE DI PERSONE ANIMALI SERVIZI DA TAVOLA CAMPARELLA DI NATALE DEL MAMMA PIATTO DEI BAMBINI DEI NONNI DANIMARCA FIGURINE  Siamo felici di poterLe presentare la nostra attivita`.  occupiamo specialmente di porcellane danesi della Manifattura Royal Copenhagen e Bing & Grondahl. Offriamo inoltre una grande scelta di vetro Holmegaard e argento danese.  Attualmente il nostro Shop Online e`solo in lingua tedesca. Per faciliterLe la navigazione nel nostro Shop Online abbiamo tradotto per Lei in italiano alcune parole importanti (puo`stampare l'allegato con i termini per averli meglio sottomano). Ordini per favore via fax o via email. Dopo aver effettuato l'ordine ricevera` la Sua fattura via email. Puo`effettuare senza problemi l'importo della Sua fattura dal Suo Conto Corrente in Italia al nostro a Dinamarca. Immediatamente dopo il pagamento la merce - imballata e assicurata appropriatamente - verra´ spedita al Suo indirizzo. Il trasporto dalla Danese all`Italia Royal Copenhagen Vintage.

PORCELLANE CERAMICA ARGENTO ANTICO FIGURA FIGURINA ROYAL COPENHAGEN SERVIZIO GABBIANO VETRO PITTORE MAIOLICA DINAMARCA CERAMICA LAMPADA DANESE ORELOGIO GIOIELLO ORNAMENTO PIATTO DI NATALE COPENHAGHEN GIOCATTOLO RAME OTTONE STAGNO BRONZO.

LA MAGIA E' SERVITA
Atmosfere natalizie e tradizioni nordiche nei piatti di Natale della Bing & Grondhal

Fondata il 1 maggio 1775, per interessamento della casa reale di Danimarca, guidata, a quel tempo, dalla Regina Madre Maria Giuliana, la manifattura Royal Copenhagen è una delle più antiche manifatture di porcellana al mondo. Il chimico Johann Friedrich Böttger riuscì a realizzare la prima porcellana europea a Dresda nel 1709. Nonostante gli sforzi del re Augusto di mantenere segreta la formula, con il passare degli anni anche in altri stati europei nacquero le manifatture di quello che veniva definito "oro bianco". In Danimarca il chimico Frantz Henrich Muller aveva impiegato ogni sforzo per questa impresa, e dopo anni di tentativi egli riuscì finalmente a produrre la porcellana e a ricevere il sostegno della casa reale. Un vecchio ufficio postale nel centro di Copenhagen venne destinato ad ospitare la manifattura. Tre linee ondulate, che simboleggiano i tre stati della Danimarca, vennero adottate come marchio di fabbrica.
I primi anni della manifattura furono caratterizzati da una lotta quotidiana contro mancanza di esperienza e di materie prime, cotture sbagliate, esperimenti deludenti. Ma Muller e la sua ristretta equipe di artigiani lavorarono con strenue determinazione e riuscirono a impostare solide basi per la sopravvivenza della manifattura, tanto che il monarca assoluto Re Christian VII subentrò nella manifattura nel 1779 garantendone in questo modo il futuro. Seguì un periodo di splendore. La clientela della manifattura era prevalentemente costituita dalla famiglia reale e dalla nobiltà. La porcellana nel 1700 era considerata un prestigioso status symbol. Le richieste per servizi da te e caffè, raggiunsero somme di denaro che oggi si potrebbero quantificare in milioni.
Il prodotto più rinomato e largamente richiesto era il celebre servizio da tavola Flora Danica, disegnato dal maestro Bayer e commissionato dal re danese nel 1790 secondo la leggenda per la sovrana di tutte le Russie Caterina la Grande. Questo motivo viene ancora oggi riprodotto fedelmente con le stesse meticolose formule del 1700.
Nel 1849 la monarchia assoluta venne abolita in Danimarca. I vecchi monopoli di Stato scomparvero e gli antichi privilegi vennero revocati con l'introduzione della costituzione. La vecchia fabbrica di porcellana si trovava a fare i conti con il libero mercato e con la concorrenza. In breve tempo, un'altra grande manifattura di porcellana vide la luce: la Bing & Grondhal.
La ditta Bing & Grondhal aprì i battenti per la prima volta nel 1853. Frederick Vilhelm Grondahl, un giovane artista e scultore che era stato alle dipendenze della Royal Copenhagen, aveva avuto la fortuna di trovare sulla sua strada i fratelli Bing, uomini d'affari di successo di Copenhagen. Con il capitale messo a disposizione dai fratelli Bing, e il genio artistico di Grondhal, la fabbrica di porcellana Bing and Grondhal divenne una realtà. Sfortunatamente Vilhelm Grondhal morì un anno e mezzo dopo l'apertura della nuova fabbrica. Gli anni che seguirono la sua morte furono anni di grande difficoltà. La Danimarca è quasi completamente priva di risorse naturali per produrre e decorare la porcellana, inoltre all'epoca c'era penuria di manodopera specializzata in grado di decorare i prodotti Bing & Grondhal. M.H e J.H. Bing fecero di tutto per riuscire ad importare le risorse necessarie per mantenere aperta la ditta. Senza la visione e la capacità artistica di Grondhal, però, molti dei primi prodotti Bing & Grondhal risultavano privi di lucentezza e non riscossero grande successo di vendita. Nel 1886 dopo aver lavorato a lungo con la tecnica del "soprasmalto", l'azienda adottò quella del "sottosmalto".
Nel 1889, la Bing & Grondhal presentò il suo primo servizio in porcellana decorata con la tecnica sottosmalto. Fin dalla nascita della fabbrica, tutta la porcellana era stata decorata con lo stile soprasmalto. La compagnia lavorò per sviluppare un metodo controllato di cottura che consentisse di ottenere sulla porcellana immagini che avessero una qualità fotografica. La compagnia realizzò un servizio di piatti chiamato Heron, ottenuto con la nuova tecnica di decoro sottosmalto. Usando una tinta blu cobalto, il disegno viene realizzato sulla porcellana non ancora cotta. La porcellana viene dunque cotta, e dopo la prima cottura il pezzo viene smaltato e quindi cotto una seconda volta. Grazie al servizio Heron, la Bing & Grondhal ottenne una fama internazionale.
Nel 1895 Haral Bing, interpretando un'antica tradizione nordica, iniziò a produrre i piatti di Natale.
Questi famosi piatti, ideali per essere raccolti e collezionati, venivano realizzati con la nuova tecnica di decoro sottosmalto. Dal giorno in cui è iniziata, la produzione dei piatti di Natale non ha più conosciuto interruzioni.
Molti secoli addietro era tradizione che i proprietari terrieri ed i borghesi benestanti, offrissero il giorno di Natale ai loro servitori un piatto di legno pieno di frutta e dolci; in ricordo dei momenti felici che il dono evocava, il piatto veniva appeso al muro.
Anno dopo anno sul muro si allineavano i piatti di legno, in un primo tempo rozzi, poi lavorati sempre più finemente. Il piatto di porcellana della Bing perpetuava così un'antica tradizione profondamente sentita dai popoli nordici. L'idea di produrre un piatto nuovo ogni anno in occasione del Natale, fu concepita da Haral Bing, non soltanto con l'idea di un saluto o di un dono natalizio di particolare qualità e bellezza, ma pensando anche a una serie di paesaggi danesi e siti storici che attraessero i collezionisti di tutto il mondo. Il colore tradizionale in cui questo piatto viene realizzato è in bianco e blu pallido. Il primo piatto venne messo sul mercato poco prima di Natale e recava, come anche oggi, la scritta "Jule Aften" (che in danese significa Vigilia di Natale) seguito dall'anno corrispondente. Da allora ogni anno viene emesso un nuovo piatto in numero limitato, poi lo stampo viene distrutto.
La produzione del piatto di Natale segnò la definitiva affermazione della Bing in tutto il mondo. Nel 1914 la compagnia iniziò a produrre oggetti in ceramica e nel 1925 sviluppò i primi oggetti in "soft porcelain", che ne era una variazione.
Bing & Grondhal aprì la seconda fabbrica nel 1949.
Oggi la società è in mano ai discendenti dei fratelli Bing. Le porcellane da collezione Bing & Grondhal fanno bella mostra di sé a Buckingam Palace come alle Corti reali di Danimarca, Svezia e Gran Bretagna. Inoltre, molti prodotti Bing & Grondhal sono esposti al Metropolitan Museum of New York.
Le celebri figurine così come altri prodotti della Bing & Grondhal si ottengono con un lungo procedimento che utilizza un certo numero di calchi di gesso, passando in forno per la prima cottura a 1700 gradi centigradi.
Nei laboratori, per la "pittura sottosmalto", vengono poi applicati i vari colori, tra i quali predominano i blu ed i rossi. I volti e le mani delle statuine sono trattate con uno speciale "color carne" che contiene oro a 24 Kt.
Tutti gli oggetti (compresi i famosi piatti di Natale) vengono poi posati con cura su carrelli antifiamma ed avviati lungo il forno a galleria, nel quale si raggiungono i 2700 gradi. L'ultima operazione, non meno importante, è il controllo, affinché dalla fabbrica escano solo pezzi perfetti, dei quali la Bing è garante.
La firma commerciale dell'azienda rappresenta le Tre Torri attorno alle quali si racconta che il Vescovo Absalon, nella seconda metà del primo secolo dopo Cristo, fondasse Copenhagen.

Oggi i piatti di Natale di Bing & Grondhal sono apprezzati e molto richiesti dai collezionisti di tutto il mondo. Per dare un'idea del valore di alcuni degli esemplari più antichi, ecco di seguito alcuni prezzi a cui si possono trovare, ai

La storia della manifattura Royal Copehagen

La fondazione

La Reale Fabbrica di porcellana di Copenhagen è fondata il 1° di maggio del 1775 sotto gli auspici della Regina Maria Giulia di Danimarca, dopo che, per più di un secolo, in tutta Europa ogni sorta di scienziati aveva tentato di scoprire il segreto per produrre quel misterioso manufatto proveniente dalla lontana Cina.
A Dresda il chimico Bötger produce la prima porcellana europea nel 1709.
In Danimarca Frantz Müller , dopo anni di esperimenti e tentativi, sotto la supervisione della famiglia reale danese,ottiene i primi concreti successi. Il cortile di un ufficio postale a Købmagergade, nel centro di Copenhagen, viene convertito per ospitare la prima manifattura.
Tre linee d’onda, simboleggianti i tre canali di Danimarca: Øresund, Store Bæelt e Lille Bælt, sono adottati come marchio di fabbrica.

Un duro inizio…
I primi anni sono dedicati alla sperimentazione ed all’impostazione delle linee produttive.
Mancanza di materie prime, insuccessi ed inesperienza avrebbero fiaccato l’ottimismo iniziale di chiunque, ma non Müller ed il suo ristretto gruppo di fidati e perseveranti collaboratori.
I loro sforzi suscitano l’ammirazione del Re Cristiano VII che garantisce il necessario supporto, garantendo il futuro della fabbrica.
Si decide che la produzione si orienterà su un decoro in blu, precedente l’operazione di smaltatura. Un metodo economico pratico che necessita di una sola cottura ad alte temperature (1400° C) con il colore blu cobalto e che diventerà il segno distintivo di tutta la successiva manifattura.
Nasce il decoro Blue Fluted che, ancora oggi, seguendo gli stessi canoni stilistici floreali e tecnici, diventa sinonimo di porcellana danese in tutto il mondo.

1790-1802 la fioritura della porcellana danese
nasce il servizio Flora Danica


La famiglia reale e la nobiltà sono la clientela dominante che richiede servizi da tavola, da caffè, vasi elaborati,figurine, come dono per le occasioni importanti, per gli omaggi ai membri delle monarchie di tutta europa.

Il più famoso resta il servizio Flora Danica, commissionato dalla famiglia reale per la Zarina Caterina di Russia nel 1790. Vuole la leggenda che venga completato 20 anni più tardi e comprenda 1802 pezzi, decorati seguendo le illustrazioni dell’enciclopedia botanica danese detta appunto Flora Danica.
Il servizio, mai consegnato in Russia, viene ripreso per il matrimomio fra la Principessa Alessandra di Danimarca ed il futuro Re d’Inghilterra Edoardo VII nel 1863.
Flora Danica ancora oggi è decorato a mano nella fabbrica della Royal Copenhagen.

1792-1815 le guerre napoleoniche
l’Europa è devastata dalle guerre ed un lungo periodo di difficoltà, culminato con il bombardamento di Copenhagen nel 1807, segna la produzione delle porcellana danesi.
L’attività riprende a pieno regime nel 1816 con nuovo spirito innovativo nello stile e nella tecnica.

L’eta d’oro 1821-1864
Il direttore artistico della fabbrica è l’architetto G.F.Hetch che assegna numerosi grandi artisti alla produzione dei decori che segneranno il periodo della rinascita culturale ed artistica di tutta la Danimarca, ispirata ad un neo-classicismo pur nella purezza delle forme tipica dello stile inconfondibile danese.
Nel 1851 questo ruolo predominante viene sancito nell’invito alla prima Esposizione Mondiale a Londra, dove il successo è enorme.

Nel 1849 la monarchia assoluta in Danimarca è abolita. I vecchi privilegi e monopoli scompaiono ed ora bisogna confrontarsi con il libero mercato.

Nel 1853 Frederik Vilhelm Grøndahl, scultore per anni presso la manifattura Royal, propone ai fratelli Meier Herman e Jacob Herman Bing, commercianti in Copenhagen, di fondare una fabbrica di porcellana, specializzata nelle figure in bisquit dell’emergente artista Thorvaldsen.
Il 19 aprile nasce la Bing & Grøndahl.

Dopo alterne vicende che coinvolgono le due aziende, nel 1889 le porcellane danesi ottengono la definitiva consacrazione all’Esposizione mondiale di Parigi, dove il successo internazionale si concretizza in tutta la sua forza.
Nel 1890 la Royal Copenhagen apre un primo negozio a Parigi a cui farà seguito, nel 1897, l’apparizione nella prestigiosa Old Bond Street a Londra.
Il successo e la notorietà raggiungono il culmine quando lo Zar Alessandro III manifesta il proprio apprezzamento per la produzione danese, acquistando numerosi pezzi che ancora oggi si possono ammirare nel museo di San Pietroburgo.

Nuovi sviluppi nella tecnica di decorazione e smaltatura a rilievo, inducono la B.&G. a produrre, per mano del suo artista F.A. Hallin, il primo Piatto di Natale nel 1895. e circa nello stesso periodo un altro artista segna il destino della fabbrica creando quello che,pochi anni dopo, verrà definito il “servizio nazionale di Danimarca”: il servizio “Gabbiani”.

Il futuro…
Facciamo ora un salto nel tempo e giungiamo ai giorni nostri.
In periodo di grande competitività internazionale si avverte la necessità di creare grandi gruppi per poter stare al passo con la concorrenza mondiale.
In questa ottica il gruppo Royal Copenhagen acquista nel 1972 la manifattura di argenteria Georg Jensen, e nel 1985 la vetreria Holmegaards Glassworks.
1987: la Bing e la Royal si fondono per creare una forte posizione sul mercato internazionale.
Vengono sviluppate numerose partecipazioni in ogni parte del mondo e numerosi sono i negozi che vedono la luce in Europa, Asia, America e perfino Australia.
E per ultimo viene incorporata la prestigiosissima fabbrica di cristalli svedesi Orrefors Kosta Boda.
Gli ultimi anni sono all’insegna di un processo innovativo delle forme e della produzione pur nel rispetto di quelle tradizioni di qualità che hanno fatto la storia non solo di questi Marchi , ma di tutta la produzione mondiale in porcellana.

Noi della ditta Cabassi siamo perciò orgogliosi di poterci annoverare fra i selezionati venditori autorizzati di questa storica azienda, proponendo non solo una vasta scelta dell’attuale produzione , ma ricercando con passione, in ogni parte del mondo, pezzi ormai introvabili da proporre ai nostri affezzionati Clienti collezionisti.